Ottimizzazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, le proposte della Federdistat VV.F. – Cisal in Commissione Affari Costituzionali
Ottimizzazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, le proposte della Federdistat VV.F. – Cisal in Commissione Affari Costituzionali
Immagine di copertina di: Ottimizzazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, le proposte della Federdistat VV.F. – Cisal in Commissione Affari Costituzionali
02/07/2020
 / 

Collegato in videoconferenza il Segretario Generale, Antonio Barone, ha esposto le richieste della Federazione che ha creduto fin dall’inizio alla volontà politica di equiparare i Vigili del Fuoco agli altri Corpi dello Stato


La Federdistat VV.F e F.C. – Cisal ha partecipato all’audizione programmata in Commissione Affari Costituzionali del Senato, in merito al testo del disegno di legge cost. n.1477 in esame, che prevede una serie di misure volte all’armonizzazione retributiva e previdenziale dei comparti sicurezza e vigili del fuoco e soccorso pubblico e all’ottimizzazione della funzionalità del Corpo nazionale dei vigili del fuoco nonché ulteriori disposizioni a favore del medesimo Corpo. Queste le proposte della federazione guidata dal Segretario Generale, Antonio Barone, collegato in videoconferenza: 

“Appare evidente che nel testo sono presenti sia misure di natura economica, che misure di tipo ordinamentale. A parere di questa O.S., è essenziale che le misure economiche vengano divise da quelle ordinamentali, al fine di poter dare attuazione nel più breve tempo possibile alle misure economiche, per le quali i fondi sono già stati stanziati con la Legge di Bilancio 2020. Ciò farebbe arrivare subito nelle tasche dei lavoratori gli aumenti salariali previsti dall’armonizzazione tra il C.N.VV.F. e la Polizia di Stato. Le misure contenute nel disegno di legge sono tutte condivisibili e incontrano il favore di questa O.S., ma occorre sottolineare l’importanza di giungere ad una completa armonizzazione anche dal punto di vista previdenziale con la Polizia di Stato, comprensiva dei cinque anni di abbuono, dei sei scatti al momento della pensione e del riconoscimento delle malattie professionali. Nei punti previsti nel disegno di legge occorre prevedere una sanatoria per la situazione degli Ispettori Antincendi, dove il DLgs 127/2018 ha consentito il transito nel ruolo dei Direttivi Speciali soltanto agli Ispettori in servizio alla data del 01/01/2006, lasciando fuori dal nuovo inquadramento circa 280 Ispettori, ingiustamente discriminati.

Inoltre, occorre prevedere:

Posizioni organizzative e valorizzazione anche per il personale laureato del ruolo tecnico-scientifico; Oltre ai concorsi interni, anche una riqualificazione per merito comparativo, per tutto il personale già in possesso di laurea (circa 2000 persone), ai fini dell’accesso ai ruoli Direttivi e Dirigenti del personale amministrativo e tecnico-scientifico. Per il comparto Direttivi e Dirigenti del C.N.VV.F. occorre prevedere, come già chiesto da questa O.S., l’istituzione di un ruolo dei Dirigenti Aggiunti, rivolto agli attuali Direttori Vicedirigenti con elevata anzianità contributiva. Infine, ma non meno importante, occorre ricordare all’attuale Governo l’urgenza di procedere al rinnovo del contratto del C.N.VV.F. relativo al periodo 2019-2021”.

Immagine di copertina di: Ottimizzazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, le proposte della Federdistat VV.F. – Cisal in Commissione Affari Costituzionali
02/07/2020
 / 

Collegato in videoconferenza il Segretario Generale, Antonio Barone, ha esposto le richieste della Federazione che ha creduto fin dall’inizio alla volontà politica di equiparare i Vigili del Fuoco agli altri Corpi dello Stato


La Federdistat VV.F e F.C. – Cisal ha partecipato all’audizione programmata in Commissione Affari Costituzionali del Senato, in merito al testo del disegno di legge cost. n.1477 in esame, che prevede una serie di misure volte all’armonizzazione retributiva e previdenziale dei comparti sicurezza e vigili del fuoco e soccorso pubblico e all’ottimizzazione della funzionalità del Corpo nazionale dei vigili del fuoco nonché ulteriori disposizioni a favore del medesimo Corpo. Queste le proposte della federazione guidata dal Segretario Generale, Antonio Barone, collegato in videoconferenza: 

“Appare evidente che nel testo sono presenti sia misure di natura economica, che misure di tipo ordinamentale. A parere di questa O.S., è essenziale che le misure economiche vengano divise da quelle ordinamentali, al fine di poter dare attuazione nel più breve tempo possibile alle misure economiche, per le quali i fondi sono già stati stanziati con la Legge di Bilancio 2020. Ciò farebbe arrivare subito nelle tasche dei lavoratori gli aumenti salariali previsti dall’armonizzazione tra il C.N.VV.F. e la Polizia di Stato. Le misure contenute nel disegno di legge sono tutte condivisibili e incontrano il favore di questa O.S., ma occorre sottolineare l’importanza di giungere ad una completa armonizzazione anche dal punto di vista previdenziale con la Polizia di Stato, comprensiva dei cinque anni di abbuono, dei sei scatti al momento della pensione e del riconoscimento delle malattie professionali. Nei punti previsti nel disegno di legge occorre prevedere una sanatoria per la situazione degli Ispettori Antincendi, dove il DLgs 127/2018 ha consentito il transito nel ruolo dei Direttivi Speciali soltanto agli Ispettori in servizio alla data del 01/01/2006, lasciando fuori dal nuovo inquadramento circa 280 Ispettori, ingiustamente discriminati.

Inoltre, occorre prevedere:

Posizioni organizzative e valorizzazione anche per il personale laureato del ruolo tecnico-scientifico; Oltre ai concorsi interni, anche una riqualificazione per merito comparativo, per tutto il personale già in possesso di laurea (circa 2000 persone), ai fini dell’accesso ai ruoli Direttivi e Dirigenti del personale amministrativo e tecnico-scientifico. Per il comparto Direttivi e Dirigenti del C.N.VV.F. occorre prevedere, come già chiesto da questa O.S., l’istituzione di un ruolo dei Dirigenti Aggiunti, rivolto agli attuali Direttori Vicedirigenti con elevata anzianità contributiva. Infine, ma non meno importante, occorre ricordare all’attuale Governo l’urgenza di procedere al rinnovo del contratto del C.N.VV.F. relativo al periodo 2019-2021”.