Rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’Inps: confermata la presenza della Cisal
Rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’Inps: confermata la presenza della Cisal
Immagine di copertina di: Rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’Inps: confermata la presenza della Cisal
24/06/2022
 / 

Sarà l’avvocato Domenico Colaci a rappresentare la Confederazione all’interno dell’organismo che predispone le linee di indirizzo generale e gli obiettivi strategici dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale


Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, del 1 giugno è stato rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’INPS. Confermata la presenza della Cisal tra le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale. La Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori sarà rappresentata dall’avvocato Domenico Colaci.

Nato a Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia, il 20 aprile del 1967, avvocato abilitato al patrocinio presso la Corte di Cassazione e le altre Magistrature Superiori, specializzato e particolarmente esperto in diritto amministrativo, diritto del lavoro e diritto tributario, Domenico Colaci è stato, tra l’altro, anche presidente dell’Organismo indipendente di valutazione dell’Agenzia per l’Italia Digitale per il triennio 2015-2018 e consulente presso l’assessorato alla Formazione professionale e alle politiche del Lavoro della Regione Calabria

“A Domenico Colaci, gli auguri di buon lavoro da parte mia e di tutta la Cisal – ha commentato il Segretario Generale, Francesco Cavallaro, nella convinzione che per la Confederazione sia stata designata una persona di elevato spessore culturale e professionale in grado di dare un contributo fattivo al Comitato. La conferma della Cisal nel CIV dell’INPS che è, insieme al CNEL, il più importante organo istituzionale al quale sono ammessi i Sindacati dei Lavoratori – ha aggiunto Cavallaro – rappresenta un ulteriore significativo riconoscimento della rappresentatività sindacale della nostra confederazione. Una attestazione – conclude Cavallaro – che arriva dopo una approfondita istruttoria da parte del Ministero del Lavoro e della Presidenza del Consiglio dei Ministri”.

Immagine di copertina di: Rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’Inps: confermata la presenza della Cisal
24/06/2022
 / 

Sarà l’avvocato Domenico Colaci a rappresentare la Confederazione all’interno dell’organismo che predispone le linee di indirizzo generale e gli obiettivi strategici dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale


Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, del 1 giugno è stato rinnovato il Comitato di Indirizzo e Vigilanza dell’INPS. Confermata la presenza della Cisal tra le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale. La Confederazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori sarà rappresentata dall’avvocato Domenico Colaci.

Nato a Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia, il 20 aprile del 1967, avvocato abilitato al patrocinio presso la Corte di Cassazione e le altre Magistrature Superiori, specializzato e particolarmente esperto in diritto amministrativo, diritto del lavoro e diritto tributario, Domenico Colaci è stato, tra l’altro, anche presidente dell’Organismo indipendente di valutazione dell’Agenzia per l’Italia Digitale per il triennio 2015-2018 e consulente presso l’assessorato alla Formazione professionale e alle politiche del Lavoro della Regione Calabria

“A Domenico Colaci, gli auguri di buon lavoro da parte mia e di tutta la Cisal – ha commentato il Segretario Generale, Francesco Cavallaro, nella convinzione che per la Confederazione sia stata designata una persona di elevato spessore culturale e professionale in grado di dare un contributo fattivo al Comitato. La conferma della Cisal nel CIV dell’INPS che è, insieme al CNEL, il più importante organo istituzionale al quale sono ammessi i Sindacati dei Lavoratori – ha aggiunto Cavallaro – rappresenta un ulteriore significativo riconoscimento della rappresentatività sindacale della nostra confederazione. Una attestazione – conclude Cavallaro – che arriva dopo una approfondita istruttoria da parte del Ministero del Lavoro e della Presidenza del Consiglio dei Ministri”.