Scorretta procedura di convocazione, la Federdistat Cisal proclama lo stato di agitazione
Scorretta procedura di convocazione, la Federdistat Cisal proclama lo stato di agitazione
Immagine di copertina di: Scorretta procedura di convocazione, la Federdistat Cisal proclama lo stato di agitazione
02/11/2020
 / 

Barone: “Ennesimo episodio antisindacale”. Diffidato il Direttore Centrale per la formazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco


Con una missiva firmata dal Segretario Generale Antonio Barone, inviata al Direttore Centrale per la Formazione, Ing. Gaetano Vallefuoco e per conoscenza al Sottosegretario dell’Interno Carlo Sibilia, e al dirigente dell’ufficio per la pianificazione il Controllo e lo Sviluppo della Formazione, Vicario del Direttore Centrale, Ing. Gino Novello, la Federdistat V.V.F. e F.C. Cisal ha proclamato lo stato di agitazione per – si legge – “aver rilevato una scorretta procedura di convocazione per l’incontro sindacale tramite videoconferenza, previsto per il 2 novembre 2020 alle ore 9:30, messa in atto dal Direttore Centrale per la Formazione, imputabile, inoltre – sottolinea Barone – di aver tenuto in più occasioni una evidente condotta antisindacale nei nostri confronti. Pertanto – continua – considerato il modus operandi del Direttore Centrale per la Formazione, responsabile di non aver convocato e di aver omesso la convocazione alla nostra O.S., ha diffidato lo stesso Direttore Centrale per la Formazione, Vallefuoco, a ripristinare le corrette relazioni sindacali anche relativamente alla modalità di convocazione delle OO.SS. rappresentative di sede, nel comportamento e in una evidente condotta antisindacale, riservandosi, altresì, di adire la Magistratura del Lavoro, ai sensi e per gli effetti dell’art.28 L.300/70. 

Immagine di copertina di: Scorretta procedura di convocazione, la Federdistat Cisal proclama lo stato di agitazione
02/11/2020
 / 

Barone: “Ennesimo episodio antisindacale”. Diffidato il Direttore Centrale per la formazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco


Con una missiva firmata dal Segretario Generale Antonio Barone, inviata al Direttore Centrale per la Formazione, Ing. Gaetano Vallefuoco e per conoscenza al Sottosegretario dell’Interno Carlo Sibilia, e al dirigente dell’ufficio per la pianificazione il Controllo e lo Sviluppo della Formazione, Vicario del Direttore Centrale, Ing. Gino Novello, la Federdistat V.V.F. e F.C. Cisal ha proclamato lo stato di agitazione per – si legge – “aver rilevato una scorretta procedura di convocazione per l’incontro sindacale tramite videoconferenza, previsto per il 2 novembre 2020 alle ore 9:30, messa in atto dal Direttore Centrale per la Formazione, imputabile, inoltre – sottolinea Barone – di aver tenuto in più occasioni una evidente condotta antisindacale nei nostri confronti. Pertanto – continua – considerato il modus operandi del Direttore Centrale per la Formazione, responsabile di non aver convocato e di aver omesso la convocazione alla nostra O.S., ha diffidato lo stesso Direttore Centrale per la Formazione, Vallefuoco, a ripristinare le corrette relazioni sindacali anche relativamente alla modalità di convocazione delle OO.SS. rappresentative di sede, nel comportamento e in una evidente condotta antisindacale, riservandosi, altresì, di adire la Magistratura del Lavoro, ai sensi e per gli effetti dell’art.28 L.300/70.