Prime aperture dal MISE all’avvio del confronto occupazionale del Gruppo Onorato
Prime aperture dal MISE all’avvio del confronto occupazionale del Gruppo Onorato
Immagine di copertina di: Prime aperture dal MISE all’avvio del confronto occupazionale del Gruppo Onorato
21/03/2022
 / 

La nota della segretaria generale al termine della giornata di presidio in via Molise


Il Ministero dello Sviluppo Economico ha finalmente preso atto delle ragioni che hanno portato le lavoratrici ed i lavoratori di Moby, Tirrenia /CIN e Toremar al numeroso presidio di stamattina a Roma. C’è l ‘impegno, ovemai non si arrivasse ad un accordo sul piano di risanamento del debito con il Gruppo Onorato, di interloquire con priorità con i Commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria e con il MIMS dando evidenza alla tutela occupazionale. Nei prossimi giorni saranno convocate assemblee su tutte le navi per informare i lavoratori e opportunamente valutare la vertenza. Malgrado un primo passo importante sia avvenuto, la Federmar Cisal tiene alta l’attenzione su tutti i prossimi passaggi istituzionali al riguardo, al fianco della mobilitazione dei lavoratori”

Immagine di copertina di: Prime aperture dal MISE all’avvio del confronto occupazionale del Gruppo Onorato
21/03/2022
 / 

La nota della segretaria generale al termine della giornata di presidio in via Molise


Il Ministero dello Sviluppo Economico ha finalmente preso atto delle ragioni che hanno portato le lavoratrici ed i lavoratori di Moby, Tirrenia /CIN e Toremar al numeroso presidio di stamattina a Roma. C’è l ‘impegno, ovemai non si arrivasse ad un accordo sul piano di risanamento del debito con il Gruppo Onorato, di interloquire con priorità con i Commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria e con il MIMS dando evidenza alla tutela occupazionale. Nei prossimi giorni saranno convocate assemblee su tutte le navi per informare i lavoratori e opportunamente valutare la vertenza. Malgrado un primo passo importante sia avvenuto, la Federmar Cisal tiene alta l’attenzione su tutti i prossimi passaggi istituzionali al riguardo, al fianco della mobilitazione dei lavoratori”